(estratto in parte dal „Manuale di Trekking“ della Commissione di Vigilanza Austriaca per la sicurezza alpina)

Verifica dello stato di salute:
Dopo lunghi periodi di inattività fisica è consigliabile fare un controllo medico delle funzioni polmonari ed un esame sotto sforzo. Attraverso un check-up completo si può stabilire l’attuale condizione fisica e la capacità di prestazione, informazioni che costituiscono la base per pianificare l’allenamento. Per i principianti è consigliato un allenamento supportato da insegnanti professionisti  esperti del settore. La preparazione atletica richiede dalle 4 alle 8 settimane, durante le quali si devono raggiungere una sicurezza ed una forma fisica che permettano di condurre con successo una camminata in montagna di questo tipo.

Programmazione:
Come prima cosa bisogna chiedersi se il tracciato che ci si propone di fare, da soli o in gruppo, sia veramente fattibile. Se portate con voi dei bambini considerate che questo può aumentare la fatica e la durata della tratta. I vostri bambini sono abituati a tappe così lunghe o sarebbe meglio farne di più brevi? Consultatevi con gli albergatori e i gestori dei rifugi! Secondo le statistiche le cause più frequenti di incidenti in montagna sono la stanchezza ed una sopravvalutazione delle proprie capacità.

Risposte alle domande sulle condizioni attuali del Crinale Carnico vi possono essere date in primo luogo dai gestori dei rifugi, dal Club Alpino e dagli uffici del turismo. Il sito www.alpenverein.at  (in tedesco) dà informazioni generali su tempo, rifugi, sentieri e molto altro. Per essere sicuri di trovare posto nei rifugi è consigliabile prenotare in anticipo, tenendo però conto che in alcuni giorni potrebbe essere ugualmente necessario stringersi un po’! Ai cani non è consentito l’accesso alle camere da letto. Prendete accordi in anticipo con il gestore del rifugio sulle possibilità di pernottamento del vostro cane, questo potrà risparmiare a voi e agli altri ospiti spiacevoli inconvenienti. Tutti i rifugi del Crinale Carnico appartengono al Club Alpino austriaco. Per avere informazioni precise sulle agevolazioni e sconti offerti anche ai soci del CAI vi preghiamo di prendere contatto con la sezione a voi più vicina. 

Pianificare la vacanza:
Oltre ai giorni previsti per la camminata vi consigliamo di trascorrere qualche giorno in valle per godere degli ameni e molteplici paesaggi, della gastronomia e della cordiale ospitalità locale. Ulteriori informazioni sono disponibili su: www.osttirol.com, www.kartitsch.at, www.obertilliach.at www.lesachtal.com www.koemau.com

E’ importante avere sempre con sé l’equipaggiamento per le emergenze: un piccolo pronto soccorso, delle compresse di magnesio contro i crampi, un fischietto per segnalare un’emergenza, un sacco a pelo, un cellulare, una torcia con batteria di scorta, un coltellino (tipo svizzero), un rotolo di cerotto e 5 m di corda da alpinismo da 6 mm.

Arrivo e partenza con mezzi pubblici:
Per informazioni, consultare il sito web dei ferrovie federali (ÖBB).

Attrezzatura:
Di fondamentale importanza è avere con sé una buona cartina del posto! Occhiali da sole, crema solare e balsamo per le labbra non dovrebbero mai mancare nel vostro zaino, indipendentemente dalle condizioni climatiche; per non parlare di guanti, berretto e impermeabile. Naturalmente è da considerare di portarsi anche cibo e bevande sufficienti per il viaggio: almeno 1 litro di acqua o succo e diversi piccoli spuntini equilibrati e nutrienti. La regola che vale in montagna è: fermarsi per mangiare e bere qualcosa ogni ora. Dopo massimo 3 ore di cammino bisognerebbe fermarsi a riposare per almeno mezz’ora. Per il pernottamento in rifugio è consigliabile portarsi un leggero sacco a pelo da rifugio in cotone e un paio di ciabatte. Controllate di esservi portati abbastanza biancheria per il cambio! Portare con sé una tessera valida dell’AV (Alpenverein) o del CAI è fondamentale, in quanto senza di essa non è possibile accedere agli eventuali sconti riservati ai soci.

Consigli pratici:
Chiedete sempre informazioni su percorsi e tempi di percorrenza al gestore del rifugio! Nessuno saprà darvi indicazioni meglio di loro. Per i viaggiatori in solitaria: per questioni di sicurezza è vivamente consigliato scrivere i propri dati nel registro di ogni rifugio per il quale passate. Informatevi sulle condizioni climatiche! Se siete in gruppo rimanete insieme e aspettate sempre quelli che rimangono indietro! In caso di maltempo non abbandonate il percorso indicato dai cartelli e state alla larga da “scorciatoie” non segnalate! Importante: per favore non lasciate le immondizie lungo il percorso. Anche i resti alimentari compostabili dovrebbero essere riportati a valle in quanto in alta montagna i tempi di biodegradabilità sono molto più lunghi. Per fare la vostra parte nella conservazione delle specie, ma anche per far godere il prossimo passante della bellezza della flora, sarebbe meglio fotografare fiori e piante invece di raccoglierli.

Comportamento in caso di temporale:
Vette, strapiombi e punti esposti devono essere abbandonati immediatamente. Evitate di stare vicino ad alberi isolati, fili spinati o cavi d’acciaio, maniglie di ferro e corsi d’acqua. Nelle grotte fate attenzione a posizionarvi lontani dalle pareti (almeno a 1,5m dalla parete). Se vi ritrovate in mezzo al temporale mettetevi in posizione rannicchiata in un luogo al sicuro da possibili cadute e seduti su un’area isolata (ad esempio lo zaino), toccando possibilmente una piccola area del terreno. I piedi devono essere ben stretti tra loro.

Situazioni di emergenza richiedono un intervento veloce e qualificato!  

Annotatevi i seguenti numeri di emergenza: 140 Soccorso Alpino, 144 Pronto Soccorso, 112 numero europeo d’emergenza. Notare bene! Anche se il proprio telefonino non prende, nel momento in cui lo si spegne e lo si riaccende è possibile digitare il numero d’emergenza al posto del PIN. Automaticamente verrà individuata la rete più forte disponibile, con la quale sarà possibile fare la chiamata d’emergenza.

Segnale Alpino d’emergenza (da effettuarsi ad es. con torcia o fischietto): 6 volte al minuto a intervalli regolari – 1 minuto di pausa

Risposta: 3 volte al minuto a intervalli regolari – 1 minuto di pausa

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok